In mancanza del vero made in Italy, i russi hanno pensato bene di imitarlo.

made-in-italy-contraffattoDopo lo stop alle importazioni di ortofrutta, formaggi, pesce, carne e derivati dal nostro paese, infatti, è esploso il mercato della contraffazione alimentare, il cosiddetto italian sounding. E tra i falsi prodotti italiani c’è anche la nostra amata mozzarella.

È quanto emerge dal bilancio sull’impatto dei primi due anni di embargo russo sul sistema agroalimentare italiano, stilato dalla Coldiretti, scesa in piazza a Verona contro la decisione del presidente Vladimir Putin di prolungare il blocco fino al 31 dicembre 2017. La produzione locale di cibi contraffatti va dal salame Italia alla mozzarella “Casa Italia”, dall’insalata “Buona Italia” alla mortadella Milano, passando per il Parmesan e la Robiola Unagrande.

Ed è proprio il settore caseario, quello in cui il made in Italy raccoglieva più consensi prima dell’embargo, uno di quelli che – per far fronte al fabbisogno della popolazione – hanno visto intensificarsi maggiormente la produzione. Produzione che è aumentata del 20% solo negli Urali Centrali, con l’apertura prevista di nuovi caseifici anche in altre zone del paese.

Alle perdite dirette dovute alla sospensione delle esportazioni – che solo per i primi due anni di embargo ammonterebbero a circa 600 milioni di euro – va a sommarsi il danno di immagine derivante dalla diffusione di finto cibo italiano. E ancora, a rischio è anche la ristorazione italiana in Russia, che ha due possibilità: o cancellare dal menù i piatti della tradizione dello stivale oppure utilizzare ingredienti “taroccati”. E pensare che in vacanza i turisti russi sono i più appassionati del made in Italy, infatti acquistano prodotti locali nell’87% dei casi.

Ma a minacciare il marchio made in Italy non è soltanto l’industria russa.

Anche altri paesi colpiti da embargo come Svizzera, Bielorussia, Argentina e Brasile hanno aumentato le esportazioni di alimentimade-in-italy-contraffatto1 contraffatti. “Il rischio – ha denunciato il presidente Coldiretti Roberto Moncalvoè che una volta perso lo spazio sugli scaffali sarà difficile recuperarlo, anche se le tensioni politiche saranno separate e l’embargo eliminato, perché i rapporti commerciali si consolidano e i consumatori russi potrebbero fare scelte patriottiche e non volere più il Made in Italy sulle loro tavole”.

Insomma, non solo l’Italia ha perso un’importante fetta di mercato estero, ma si vede doppiamente beffata da chi spaccia per italiano qualcosa che non ha niente a che vedere con la nostra tradizione. In questo contesto, diviene ancor più importante mettere in campo azioni per la tutela del made in Italy come – nel settore caseario – la risoluzione sulla contraffazione della mozzarella di bufala campana, recentemente approvata alla Camera.    

Tagged with →  

Notizie D'Origine Controllata

  • Nell’area espositiva anche degustazioni, show cooking, workshop tecnico scientifici Dal 26 al 29 Maggio il DMed, ex Tabacchificio Capaccio Paestum  A soli mille metri dall’area archeologica, negli spazi dell’ex Tabacchificio di Capaccio Paestum, apre  DMed – Salone della Dieta Mediterranea in programma dal 26 al 29 Maggio 2022. Qui prenderà [...]

  • Il 2021 è stato l’anno del record assoluto di produzione per la mozzarella di bufala campana Dop. Sono stati prodotti 54.481.000 chilogrammi di mozzarella a marchio Dop, superando anche i livelli pre-pandemia e mettendo a segno un +7,5% sul 2020 e un +8,5% sul 2019.  Per la prima volta oltre [...]

  • Un piatto tutto da scoprire, questi Tortelli di bufala, latte cagliato e olio ravece dello chef Paolo Barrale del Ristorante Marennà, suggerito per Team Costa del Cilento. Proprio il suo ristorante, grazie alla Stella Michelin ottenuta nel 2009, è espressione massima della cultura dell’accoglienza di Feudi e di San Gregorio. [...]

  • Un comparto dal valore di 1,2 miliardi l’anno e che impiega ben 11 milioni di persone, quello della mozzarella di bufala campana Dop. E che l’emergenza Coronavirus non ha risparmiato. Nei primi quindici giorni di lockdown, il fatturato è diminuito del 60%, per il mese di marzo del 35%. A incidere, [...]

  • Dodici mesi per 50 milioni di chili di mozzarella di bufala campana Dop. Il 2018 è stato l’anno dei record per il nostro oro bianco, con un aumento di circa il 20 per cento sia nella produzione che nelle vendite, conferma di un trend di crescita ormai consolidato. «Un aumento [...]

  • No alle fake news, sì alle buffalo news. Il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, in collaborazione con il mensile Leggere:tutti, per celebrare l’Anno del Cibo italiano nel mondo ha indetto il concorso “Ti racconto una bufala”, un contest letterario per la realizzazione di brevi racconti (massimo 6.000 [...]

  • Sta per partire il secondo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, presso le Reali Cavallerizze della Reggia di Caserta. La scuola ambisce a formare le future figure chiave del comparto, dai casari ai manager dell’export fino agli [...]

  • Gastronomia, solidarietà, intrattenimento: questi alcuni degli ingredienti della Festa solidale del sorriso “Sapori di bufala”, organizzata dall’Associazione Arcobaleno Marco Iagulli Onlus, in via Rosa Jemma. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è in programma presso l’area esterna dell’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia da venerdì 21 a domenica 23 settembre. A [...]

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons.