mini_16663718_la-zizzona-di-battipaglia-6Bella, bianca ed invitante, la Zizzona di Battipaglia è un’enorme succulenta mozzarella di bufala balzata agli onori del grande pubblico grazie al suo utilizzo sul grande schermo. A lanciarla sul mercato è stato infatti il film “Benvenuti al Sud”, campione d’incasso al box office nel 2010. La Zizzona,  all’apparenza una semplice trovata cinematografica, si è subito rivelata una fortunata operazione di marketing per il comparto caseario campano. Fortuna della quale in molti hanno provato ad approfittare, spesso andando anche a minare l’immagine della tipica e antica “mozzata” di bufala di Battipaglia.

 

mariannaz

La vincitrice del concorso di bellezza

Nella famosa scena del film si vede Claudio Bisio, che presenta all’Accademia del Gorgonzola, un’enorme formaggio bianco: la Zizzona di Battipaglia, ovvero una mozzarella di ben 5 kg. E’ chiaro ed evidente il riferimento ad un grande seno di donna con tanto di capezzolo al centro. Questo grande formaggio fresco è diventato in pochissimo tempo marchio registrato, e lo scorso luglio 2012 si è  svolto il primo festival della Zizzona, con degustazioni e spettacoli. Immancabile il concorso Miss Zizzona, le cui doti richieste è facile immaginare.

E’ evidente il fatto che il successo del prodotto è dato non solo dalle sue qualità organolettiche, ma soprattutto per una vincente operazione di marketing: basti pensare al semplice fatto che prima dell’uscita del film la parola “Zizzona” evocava tutt’altro che una pantagruelica mozzarella. Nell’ultimo anno sono sorti come funghi venditori on-line di Zizzona, che hanno provato a cavalcare l’onda del successo di un fenomeno che rischia di deragliare dai giusti binari. A provare a porre un freno è stato il caseificio La Fattoria di Battipaglia, detentore del marchio e della denominazione – per questo l’unico autorizzato a produrre e commercializzare, salvo cessioni, la Zizzona – che ha avviato una vera crociata contro i rivenditori non autorizzati.

Ma, date le dimensioni “extra” la Zizzona al momento non può essere ancora inclusa nel disciplinare del DOP.

A dichiararlo è stato di recente proprio il presidente del Consorzio di Tutela Mozzarella di bufala campana DOP, Domenico Raimondo. Questo perchè le misure indicate dal disciplinare non comprendono l’esuberanza del prodotto, il quale sancisce che la mozzarella per potersi fregiare del marchio di origine protetta, può raggiungere un massimo di 800 gr di peso.

Ciò che è certo è che il film e l’accattivante (e da più parti criticata) metafora sessuale hanno contribuito fortemente a rilanciare sul mercato la mozzarella di bufala campana e a stringere ancora di più l’immagine della città Battipaglia come patria della mozzarella.

Anche perchè, al di là della zizzona – che andrebbe forse considerata più come un taglio che come un prodotto a sè – la mozzarella ha una storia antichissima che risale al decimo secolo d.C. Infatti, già 1000 anni fa nella Piana del Sele, veniva prodotto un particolare formaggio fresco di pasta filata, che veniva poi tagliato in forme da non più di mezzo chilo. Proprio dalla sua particolare lavorazione ne deriva il nome mozzarella, da mozzare, ovvero tagliare. E’ chiaro dunque che una forma da 5 kg non può propriamente dirsi tipica, fermo restando il sapore e le qualità indiscutibili del prodotto.

Maggiore chiarezza e maggiori informazioni, sono in questo caso necessarie per guidare ed orientare il consumatore verso una scelta ancora più consapevole e sicura.

One Response to La Zizzona di Battipaglia: tra prodotto tipico e marketing

  1. rocco liguori ha detto:

    Il termine zizzona di Battipaglia, usato per indicare la mozzarella fuori misura era usato a salerno già prima del film. Fin da bambino sentivo parlare di tale peculiarità salernitana. Non riesco a spiegarmi su quale presupposto tale caseificio si è appropriato dell’utilizzo esclusivo di un prodotto tipico della nostra terra…e mi meraviglio come gli altri caseifici si siano ritirati in sordina, accettando, a mio avviso, una simile furbata commerciale.

Notizie D'Origine Controllata

  • Dodici mesi per 50 milioni di chili di mozzarella di bufala campana Dop. Il 2018 è stato l’anno dei record per il nostro oro bianco, con un aumento di circa il 20 per cento sia nella produzione che nelle vendite, conferma di un trend di crescita ormai consolidato. «Un aumento [...]

  • No alle fake news, sì alle buffalo news. Il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, in collaborazione con il mensile Leggere:tutti, per celebrare l’Anno del Cibo italiano nel mondo ha indetto il concorso “Ti racconto una bufala”, un contest letterario per la realizzazione di brevi racconti (massimo 6.000 [...]

  • Sta per partire il secondo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, presso le Reali Cavallerizze della Reggia di Caserta. La scuola ambisce a formare le future figure chiave del comparto, dai casari ai manager dell’export fino agli [...]

  • Gastronomia, solidarietà, intrattenimento: questi alcuni degli ingredienti della Festa solidale del sorriso “Sapori di bufala”, organizzata dall’Associazione Arcobaleno Marco Iagulli Onlus, in via Rosa Jemma. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è in programma presso l’area esterna dell’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia da venerdì 21 a domenica 23 settembre. A [...]

  • Il comparto della mozzarella di bufala si è confermato in ottima salute anche nel primo semestre del 2018. Come comunicato dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, da gennaio a giugno 2018 la produzione ha registrato un incremento del 4,4%. Negli ultimi due anni si è raggiunto [...]

  • Battipaglia celebra la sua “regina”. Da venerdì 24 a domenica 26 agosto, presso lo stadio comunale “Luigi Pastena” di Battipaglia, si terrà la terza edizione dell’evento gastronomico “La Zizzona di Battipaglia in festa”, organizzato dalla Pro Loco ‘A Castelluccia, dal Caseificio La Fattoria e da Radio Castelluccio con il patrocinio [...]

  • A circa un anno dall’inizio della querelle, il Tar del Lazio ha bocciato il ricorso da parte della Campania contro il riconoscimento del marchio Dop per la Mozzarella di latte vaccino di Gioia del Colle. La motivazione risiede nella differente tipologia di latte – da un lato di bufala, dall’altro [...]

  • Il primo ricettario del Team Costa del Cilento, squadra di cuochi che omaggia la cucina cilentana e la Dieta mediterranea, non poteva che riservare un ruolo da protagonista alla mozzarella di bufala. Tra le ricette più interessanti c’è quella ideata dallo chef Giuseppe Gaudino di Torre Bassano, a Torre del [...]

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons.