mozzarella di bufala giovaniIn una fase storica in cui la crisi occupazionale colpisce duro e i primi a farne le spese sono i giovani, dati confortanti vengono dalla filiera della mozzarella di bufala campana. Qui l’età media degli occupati è infatti di gran lunga inferiore rispetto a quella della maggior parte dei settori.

In particolare, secondo un’indagine condotta a inizio 2016 dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP, l’86% degli occupati nel comparto ha meno di 50 anni e il 33% meno di 32. Insomma, in questo contesto sembra funzionare bene il famoso ricambio generazionale, così tanto evocato ma molto meno applicato nell’attuale mondo del lavoro. Un ricambio che abbraccia tutte le fasi che concorrono a portare l’oro bianco sulle nostre tavole: dall’allevamento alla produzione fino alla commercializzazione. Riguarda infatti tutte le categorie del settore: non solo allevatori e maestri casari, ma anche responsabili marketing, export manager, addetti ai laboratori di analisi etc. Figure e professionalità per le quali la Campania attinge anche da fuori regione. Positivi anche i numeri sull’occupazione femminile: il 34% degli addetti al settore è composto da donne.  

L’innesto di forze giovani – non è solo un luogo comune – apporta innegabili vantaggi al settore, in termini dimozzarella di bufala innovazione e comunicazione, aggiornamento e formazione e, non da ultimo, motivazione. Inoltre le nuove leve del comparto bufalino sono sempre più orientate alla ristorazione e all’internazionalizzazione. Spesso, infatti, decidono di abbinare alla semplice vendita dei prodotti confezionati dei veri e propri punti di ristoro, dove ad esempio è possibile assistere alla lavorazione della mozzarella e poi gustarla sul momento. E ancora, molti giovani operatori collaborano con grandi chef nazionali e internazionali, anche grazie a canali come Ho.re.ca. (Hotellerie-Restaurant-Café). In conclusione, la forte componente giovanile del comparto della mozzarella rappresenta indubbiamente uno dei principali ingredienti del suo successo. Ed è a maggior ragione quello su cui bisogna puntare per far crescere ulteriormente il settore, raccogliendo le nuove sfide che si pongono, dalla lotta alla contraffazione al potenziamento dei controlli e della tracciabilità, dalla ricerca all’incremento dell’export, passando per la logistica e i trasporti.

Segnalaci le tue news attraverso la pagina Contatti

Notizie D'Origine Controllata

  • Il primo ricettario del Team Costa del Cilento, squadra di cuochi che omaggia la cucina cilentana e la Dieta mediterranea, non poteva che riservare un ruolo da protagonista alla mozzarella di bufala. Tra le ricette più interessanti c’è quella ideata dallo chef Giuseppe Gaudino di Torre Bassano, a Torre del [...]

  • È la mozzarella il secondo prodotto tipico italiano più ricercato dagli utenti Google sparsi per il mondo. L’amato latticino è superato solo dal prosecco e seguito da gorgonzola, ricotta e tartufo. Lo dicono i risultati di uno studio basato su Google Trend e condotto in occasione della prima edizione del [...]

  • Più leggera e digeribile e più povera di grassi. L’ultima novità dalla terra dell’oro bianco si chiama Mozzasnella ed è la nuova mozzarella light ideata dal Caseificio Fratelli Di Lascio di Capaccio Paestum. La Mozzasnella è realizzata con latte di bufala e latte vaccino di alta qualità: “Le prime mozzarelle [...]

  • Dopo la tappa “casalinga” di Paestum, Le Strade Della Mozzarella (LSDM), il congresso internazionale di cucina d’autore dedicato alla Mozzarella di Bufala Campana DOP, si prepara a sbarcare per la terza volta nella Grande Mela. Il 27 e il 29 giugno 2018, presso la pizzeria Kestè in Fulton Street, si percorrerà [...]

  • I migliori chef del nostro territorio amano sperimentare nuovi abbinamenti della mozzarella di bufala. Per questo il nostro oro bianco non poteva che essere protagonista del primo ricettario “Team Costa del Cilento 2018”, un viaggio alla scoperta dei sapori del Cilento e della Dieta mediterranea, con la guida dei cuochi [...]

  • Il mercato della mozzarella di bufala campana è in continua evoluzione. L’ultima novità si chiama Bianco Cuore ed è una mozzarella di bufala con Omega 3 arricchita con Omega 6. La specialità nasce da un progetto frutto della collaborazione tra la società Lipinutragen, spin-off del CNR di Bologna, e l’imprenditore [...]

  • “Tutti sono liberi di produrre dove vogliono. Io sono per il libero mercato. Ma ognuno dovrebbe fare quello che sa fare. Io non comprerei mai whisky fatto ad Amalfi”. È caustica la risposta data da Pier Maria Saccani, direttore del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, all’Economist [...]

  • Se l’alta cucina ha sdoganato gli abbinamenti più insoliti, anche nel menù di tutti giorni si può introdurre un tocco di originalità a partire da piatti e ingredienti semplici e genuini. Oggi ad esempio vi proponiamo, in alternativa ai classici spiedini mozzarella e pomodorini, gli spiedini di mozzarella e fragole. [...]

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons.