Taco di parmigiano con ricotta di bufala, pomodoro, Caviaroli e basilico di Oriol Castro

Taco di parmigiano con ricotta di bufala, pomodoro, Caviaroli e basilico di Oriol Castro

Si è conclusa al Savoy Beach Hotel di Paestum la nona edizione della due giorni Le Strade della Mozzarella (LSDM), che si conferma uno degli eventi gastronomici più apprezzati del nostro territorio.

Il congresso internazionale di cucina d’autore, di cui la mozzarella di bufala è regina indiscussa, ha visto la presenza di oltre 1.500 ospiti accreditati fra chef, imprenditori, giornalisti e food blogger. Oltre al nostro oro bianco, sotto i riflettori ci sono state anche altre eccellenze del territorio, come la pasta di Gragnano, la pizza napoletana e l’olio extravergine di oliva. Il tutto declinato nel tema dell’edizione 2016, ovvero le “contaminazioni”. Gli chef si sono sbizzarriti in accostamenti più o meno “trasgressivi” e sapori presi in prestito da terre lontane. Pensiamo ad esempio al Tacos farcito con battuta di Fassona con crema di mozzarella e aromi di Enrico Crippa o alle Sfere di mozzarella, cocomero marinato e caviale di Gert De Mangeleer ed ancora al Taco di parmigiano con ricotta di bufala, pomodoro, Caviaroli e basilico di Oriol Castro. Fra le interpretazioni più interessanti dell’ingrediente protagonista, declinato dall’antipasto fino al dolce, citiamo le “Mozzy bag”, mozzarelle farcite, invenzione dello chef Ilario Vinciguerra.  

Questi gli chef internazionali che si sono avvicendati ai fornelli: Mauro Colagreco, Gert de Mangeleer,

Enrico Crippa

Enrico Crippa

Alexandre Gauthier, Karl e Rudi Obauer, Magnus Ek, Leonardo Pereira, Oriol Castro, Daniel Berlin, Jacques Genin, Mark Moriarty, Ana Ros. Fra gli italiani, si sono espressi in performance culinarie Matteo Baronetto, Riccardo Monco, Davide Oldani, Enrico Crippa, Antonia Klugmann, Saverio Sbaragli, Luca Abbruzzino, Luigi Taglienti, Emanuele Scarello, Vito Mollica, Davide Scabin, Silvio Salmoiraghi, Andrea Berton, Ernesto Iaccarino, i fratelli Costardi, Franco Pepe, Francesco e Salvatore Salvo. Inoltre, nel Taste Club dedicato agli assaggi e diviso in tre aree – Pasta e Pomodoro, Tutti Fritti e Cucina dolce – hanno fatto furore le creazioni di nomi noti della gastronomia campana come Gino Sorbillo, Alfonso Pepe, Francesco Guida, Pasquale e Gaetano Torrente.

“Gli oltre 1500 ospiti accreditati – hanno commentato Barbara Guerra e Albert Sapere, organizzatori della kermesse – testimoniano quanto il format di LSDM si riveli vincente. Una due giorni di incontri durante i quali i grandi chef, con le loro sperimentazioni, ci aiutano a scoprire le infinite potenzialità degli straordinari prodotti del paniere agroalimentare italiano”.

Ma non è finita qui. Archiviati con successo gli appuntamenti di Parigi, Milano e Paestum, Le Strade della Mozzarella volerà ora a New York (17 e 18 maggio), per esportare anche nella Grande Mela le eccellenze gastronomiche del territorio italiano, e soprattutto la nostra amata mozzarella di bufala. A ottobre sarà quindi la volta di Roma, per il gran finale della manifestazione, che si svolgerà negli spazi di Romeo, mega hub gastronomico (pizzeria, forno, gelateria e gastronomia) pronto ad aprire i battenti, che sarà gestito da grandi nomi come Cristina Bowerman, Fabio Spada, Antonio Scuteri, Giuseppe Di Martino e altri soci.

Tagged with →  

Notizie D'Origine Controllata

  • Nell’area espositiva anche degustazioni, show cooking, workshop tecnico scientifici Dal 26 al 29 Maggio il DMed, ex Tabacchificio Capaccio Paestum  A soli mille metri dall’area archeologica, negli spazi dell’ex Tabacchificio di Capaccio Paestum, apre  DMed – Salone della Dieta Mediterranea in programma dal 26 al 29 Maggio 2022. Qui prenderà [...]

  • Il 2021 è stato l’anno del record assoluto di produzione per la mozzarella di bufala campana Dop. Sono stati prodotti 54.481.000 chilogrammi di mozzarella a marchio Dop, superando anche i livelli pre-pandemia e mettendo a segno un +7,5% sul 2020 e un +8,5% sul 2019.  Per la prima volta oltre [...]

  • Un piatto tutto da scoprire, questi Tortelli di bufala, latte cagliato e olio ravece dello chef Paolo Barrale del Ristorante Marennà, suggerito per Team Costa del Cilento. Proprio il suo ristorante, grazie alla Stella Michelin ottenuta nel 2009, è espressione massima della cultura dell’accoglienza di Feudi e di San Gregorio. [...]

  • Un comparto dal valore di 1,2 miliardi l’anno e che impiega ben 11 milioni di persone, quello della mozzarella di bufala campana Dop. E che l’emergenza Coronavirus non ha risparmiato. Nei primi quindici giorni di lockdown, il fatturato è diminuito del 60%, per il mese di marzo del 35%. A incidere, [...]

  • Dodici mesi per 50 milioni di chili di mozzarella di bufala campana Dop. Il 2018 è stato l’anno dei record per il nostro oro bianco, con un aumento di circa il 20 per cento sia nella produzione che nelle vendite, conferma di un trend di crescita ormai consolidato. «Un aumento [...]

  • No alle fake news, sì alle buffalo news. Il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, in collaborazione con il mensile Leggere:tutti, per celebrare l’Anno del Cibo italiano nel mondo ha indetto il concorso “Ti racconto una bufala”, un contest letterario per la realizzazione di brevi racconti (massimo 6.000 [...]

  • Sta per partire il secondo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, presso le Reali Cavallerizze della Reggia di Caserta. La scuola ambisce a formare le future figure chiave del comparto, dai casari ai manager dell’export fino agli [...]

  • Gastronomia, solidarietà, intrattenimento: questi alcuni degli ingredienti della Festa solidale del sorriso “Sapori di bufala”, organizzata dall’Associazione Arcobaleno Marco Iagulli Onlus, in via Rosa Jemma. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è in programma presso l’area esterna dell’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia da venerdì 21 a domenica 23 settembre. A [...]

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons.