mozzarella nella mortellaLa mozzarella nella mortella, che nella sua zona di origine, il basso Cilento, è conosciuta come muzzarella co’ a mortedda o indo a murtedda, è un formaggio a pasta filata ottenuto dalla lavorazione del latte vaccino e protetta da un presidio Slow Food.

La particolarità – come evidenziato dal nome – consiste nel suo essere avvolta in fronde di mirto, il quale nel dialetto campano viene chiamato appunto “mortella”. Quest’usanza va attribuita alla necessità, in origine, di conservare integro il prodotto durante il trasporto fino al mercato paesano. Anticamente, infatti, la mozzarella veniva prodotta vicino alle zone dove gli animali pascolavano, nasceva quindi l’esigenza di riporla in un involucro che la proteggesse fino al momento della vendita. E, dato che al tempo non esistevano frigoriferi o impacchettatrici sterili, la scelta ricadde sul mirto: si trattava infatti di una pianta spontanea sempreverde, presente in abbondanza nelle zone di pascolo del Cilento e capace di conferire al latticino un aroma e un profumo molto particolari.

La mozzarella nella mortella, dalla forma allungata e più o meno piatta, è simile alla “stracciata”, pezzatura di mozzarella consistente in pasta stesa, lunga circa 15mozzarella nella mortella cm, e il cui peso non supera i 150 gr. Nel confezionamento, la mozzarella viene alternata a fronde di mirto appena raccolte, legate alle estremità con i rami di ginestra. Ognuno dei cosiddetti “mazzi” include da sei a dieci mozzarelle. Se la caseificazione è quella classica della mozzarella, la lavorazione segue un processo particolare. La cagliata infatti, dopo la rottura, viene fatta maturare quasi in totale assenza di siero. Ciò conferisce al prodotto una consistenza compatta e asciutta, nonché una pellicola esterna particolarmente doppia.

La mozzarella della mortella va consumata dopo aver rimosso l’imballaggio naturale, tuttavia ne conserva l’impronta e l’aroma, che dona un sapore unico e inconfondibile, con sentori d’erba verde e, a tratti, di cedro e di limone. In virtù di queste caratteristiche, il particolare latticino non si presta all’utilizzo in cucina, come condimento di pizze o primi piatti. Molto meglio consumarlo così com’è, o al massimo prepararvi un antipasto con pomodori, olive, olio extravergine e un pizzico di origano. L’accompagnamento ideale è un vino bianco giovane, anche frizzante.

Tra i caseifici cilentani che meglio interpretano la tradizione della mozzarella nella mortella, c’è la Tenuta Chirico, di cui rappresenta il prodotto di punta.

Notizie D'Origine Controllata

  • Nell’area espositiva anche degustazioni, show cooking, workshop tecnico scientifici Dal 26 al 29 Maggio il DMed, ex Tabacchificio Capaccio Paestum  A soli mille metri dall’area archeologica, negli spazi dell’ex Tabacchificio di Capaccio Paestum, apre  DMed – Salone della Dieta Mediterranea in programma dal 26 al 29 Maggio 2022. Qui prenderà [...]

  • Il 2021 è stato l’anno del record assoluto di produzione per la mozzarella di bufala campana Dop. Sono stati prodotti 54.481.000 chilogrammi di mozzarella a marchio Dop, superando anche i livelli pre-pandemia e mettendo a segno un +7,5% sul 2020 e un +8,5% sul 2019.  Per la prima volta oltre [...]

  • Un piatto tutto da scoprire, questi Tortelli di bufala, latte cagliato e olio ravece dello chef Paolo Barrale del Ristorante Marennà, suggerito per Team Costa del Cilento. Proprio il suo ristorante, grazie alla Stella Michelin ottenuta nel 2009, è espressione massima della cultura dell’accoglienza di Feudi e di San Gregorio. [...]

  • Un comparto dal valore di 1,2 miliardi l’anno e che impiega ben 11 milioni di persone, quello della mozzarella di bufala campana Dop. E che l’emergenza Coronavirus non ha risparmiato. Nei primi quindici giorni di lockdown, il fatturato è diminuito del 60%, per il mese di marzo del 35%. A incidere, [...]

  • Dodici mesi per 50 milioni di chili di mozzarella di bufala campana Dop. Il 2018 è stato l’anno dei record per il nostro oro bianco, con un aumento di circa il 20 per cento sia nella produzione che nelle vendite, conferma di un trend di crescita ormai consolidato. «Un aumento [...]

  • No alle fake news, sì alle buffalo news. Il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, in collaborazione con il mensile Leggere:tutti, per celebrare l’Anno del Cibo italiano nel mondo ha indetto il concorso “Ti racconto una bufala”, un contest letterario per la realizzazione di brevi racconti (massimo 6.000 [...]

  • Sta per partire il secondo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, presso le Reali Cavallerizze della Reggia di Caserta. La scuola ambisce a formare le future figure chiave del comparto, dai casari ai manager dell’export fino agli [...]

  • Gastronomia, solidarietà, intrattenimento: questi alcuni degli ingredienti della Festa solidale del sorriso “Sapori di bufala”, organizzata dall’Associazione Arcobaleno Marco Iagulli Onlus, in via Rosa Jemma. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è in programma presso l’area esterna dell’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia da venerdì 21 a domenica 23 settembre. A [...]

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons.