MOZZA BUFALA 2 620 X 310La mozzarella di bufala è uno degli alimenti simbolo del made in Italy, fra i più amati e invidiati. E non a caso è anche uno dei più contraffatti. Insomma, non è tutto oro bianco quello che…gocciola. E gli illeciti, che vanno dall’uso di cagliate surgelate alla concorrenza sleale dei mercati esteri, costituiscono una forte minaccia alla qualità e all’autenticità del prodotto. Per dare un’idea della diffusione del pregiato latticino, si pensi che nel 2013 sono state prodotte 37mila
tonnellate di mozzarella di bufala campana DOP
. Di queste, il 73% è finito sulle nostre tavole, mentre il resto ha oltrepassato i confini nazionali, finendo soprattutto in Francia (22%). Per difendere questo fiore all’occhiello del comparto agroalimentare italiano, è intervenuta la Commissione parlamentare di inchiesta su pirateria e commercio abusivo, dedicando un approfondimento alla tutela di «un lavoro secolare, che ha fondato la sua solidità sulla passione, sulla competenza e sull’ingegno di agricoltori e allevatori». Il primo campanello d’allarme riguarda, secondo l’analisi, l’inspiegabile riduzione del costo del latte di bufala alla stalla: «Nel 2015 è stato pagato allo stesso prezzo del 1992, quando i costi di produzione erano di circa un terzo rispetto ad oggi». Un dato che colpisce pesantemente gli allevatori e favorisce i grandi caseifici industriali.

C’è quindi il problema delle frodi e delle contraffazioni. Dal 2012 a metà del 2015 i Nuclei Antisofisticazioni e Sanità (NAS) hanno effettuato oltre 131mila mozzarellecontrolli, di cui quasi 8mila dedicati solo al settore “latte e derivati”. E qui sono state accertate ben 2.291 “non conformità”, con conseguente sequestro di merci per un valore di quasi 148 milioni di euro e sanzioni amministrative per oltre 2,9 milioni di euro. Parallelamente, i Nuclei Antifrodi Carabinieri (NAC) hanno eseguito controlli in materia di “qualità alimentare” in 118 aziende produttrici di mozzarella di bufala, accertando 35 illeciti penali e amministrativi e segnalando 14 persone all’autorità giudiziaria. Nell’ultimo anno, secondo Coldiretti, sono state importate dall’estero – Est Europa in particolare – più di un milione di quintali di cagliate, che equivalgono a circa 10 milioni di quintali di latte, ovvero il 10% dell’intera produzione italiana. Si tratta di prelavorati che consentono di produrre mozzarelle e formaggi di bassa qualità, di latte di bufala ma non solo. E la beffa è che il più delle volte questi prodotti presentano simboli che richiamano il made in Italy o la freschezza degli ingredienti. Peccato che si tratti invece di latte congelato e proveniente da ben altri lidi.

Un altro fenomeno piuttosto diffuso riguarda poi la violazione del marchio DOP, sia in Italia che all’estero, dove le pratiche dell’italian sounding sono all’ordine del giorno: tutti stratagemmi «idonei a far ritenere erroneamente ai consumatori un’origine italiana del prodotto». Per non parlare dell’inchiesta sull’impiego di terapie farmacologiche illecite all’interno degli allevamenti, con l’utilizzo di ormoni della crescita vietati. L’ultimo illecito riscontrato riguarda, infine, l’utilizzo di latte vaccino al posto di quello di bufala. Ma qui i numeri per ora non destano preoccupazione.

Insomma, la mozzarella di bufala è un grande affare, ma proprio per questo è esposta a grandi rischi e necessita di severi controlli.

Tagged with →  

Notizie D'Origine Controllata

  • Un piatto tutto da scoprire, questi Tortelli di bufala, latte cagliato e olio ravece dello chef Paolo Barrale del Ristorante Marennà, suggerito per Team Costa del Cilento. Proprio il suo ristorante, grazie alla Stella Michelin ottenuta nel 2009, è espressione massima della cultura dell’accoglienza di Feudi e di San Gregorio. [...]

  • Un comparto dal valore di 1,2 miliardi l’anno e che impiega ben 11 milioni di persone, quello della mozzarella di bufala campana Dop. E che l’emergenza Coronavirus non ha risparmiato. Nei primi quindici giorni di lockdown, il fatturato è diminuito del 60%, per il mese di marzo del 35%. A incidere, [...]

  • Dodici mesi per 50 milioni di chili di mozzarella di bufala campana Dop. Il 2018 è stato l’anno dei record per il nostro oro bianco, con un aumento di circa il 20 per cento sia nella produzione che nelle vendite, conferma di un trend di crescita ormai consolidato. «Un aumento [...]

  • No alle fake news, sì alle buffalo news. Il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, in collaborazione con il mensile Leggere:tutti, per celebrare l’Anno del Cibo italiano nel mondo ha indetto il concorso “Ti racconto una bufala”, un contest letterario per la realizzazione di brevi racconti (massimo 6.000 [...]

  • Sta per partire il secondo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, presso le Reali Cavallerizze della Reggia di Caserta. La scuola ambisce a formare le future figure chiave del comparto, dai casari ai manager dell’export fino agli [...]

  • Gastronomia, solidarietà, intrattenimento: questi alcuni degli ingredienti della Festa solidale del sorriso “Sapori di bufala”, organizzata dall’Associazione Arcobaleno Marco Iagulli Onlus, in via Rosa Jemma. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è in programma presso l’area esterna dell’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia da venerdì 21 a domenica 23 settembre. A [...]

  • Il comparto della mozzarella di bufala si è confermato in ottima salute anche nel primo semestre del 2018. Come comunicato dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, da gennaio a giugno 2018 la produzione ha registrato un incremento del 4,4%. Negli ultimi due anni si è raggiunto [...]

  • Battipaglia celebra la sua “regina”. Da venerdì 24 a domenica 26 agosto, presso lo stadio comunale “Luigi Pastena” di Battipaglia, si terrà la terza edizione dell’evento gastronomico “La Zizzona di Battipaglia in festa”, organizzato dalla Pro Loco ‘A Castelluccia, dal Caseificio La Fattoria e da Radio Castelluccio con il patrocinio [...]

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons.