etichettatura-latticiniAncora una buona notizia per la sicurezza della mozzarella. L’Unione Europea non ha sollevato obiezioni alla richiesta italiana di adottare l’etichettatura obbligatoria per il latte e i prodotti lattiero-caseari. È scaduto infatti il 14 ottobre il termine per opporsi all’obbligatorietà dell’indicazione geografica per latte e latticini. Ora l’Italia, come la Francia, potrà utilizzare l’etichettatura obbligatoria per un periodo sperimentale di due anni. Fino ad oggi l’obbligo riguardava solo il latte fresco, mentre con le nuove regole verrà esteso a tutti i prodotti aventi come ingrediente principale il latte. L’entrata in vigore è prevista 60 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dunque è auspicabile per il 1° gennaio 2017.

Tre le indicazioni che dovranno accompagnare il prodotto: paese di mungitura, paese di condizionamento e
paese di trasformazione (qualora siano diversi l’uno dall’altro). Se le operazioni avvengono i più paesi dell’Unione, allora si potranno indicare sull’etichetta le seguenti diciture: “miscela di latte di Paesi Ue”, “miscela di latte di Paesi non Ue” etc.

“Con l’etichettatura di origine – ha commentato con soddisfazione il presidente Coldiretti, Roberto Moncalvo – si dice finalmente basta all’inganno del falsoetichettatura-mozzarella Made in Italy: oggi tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro venduti in Italia sono stranieri, così come la metà delle mozzarelle sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall’estero, ma nessuno lo sa perché non è obbligatorio riportarlo in etichetta”.

Insomma, se la filiera della mozzarella di bufala campana dop – a meno di un anno dalla legge sulla tracciabilità – ha già raggiunto risultati importanti in termini di tracciabilità, l’etichettatura obbligatoria potrebbe aumentare anche la trasparenza sui prodotti al di fuori dell’area di origine protetta, rendendo l’esperienza di consumo dei latticini sempre più sicura, oltre che piacevole.

Segnalaci le tue news attraverso la pagina Contatti

Notizie D'Origine Controllata

  • Il primo ricettario del Team Costa del Cilento, squadra di cuochi che omaggia la cucina cilentana e la Dieta mediterranea, non poteva che riservare un ruolo da protagonista alla mozzarella di bufala. Tra le ricette più interessanti c’è quella ideata dallo chef Giuseppe Gaudino di Torre Bassano, a Torre del [...]

  • È la mozzarella il secondo prodotto tipico italiano più ricercato dagli utenti Google sparsi per il mondo. L’amato latticino è superato solo dal prosecco e seguito da gorgonzola, ricotta e tartufo. Lo dicono i risultati di uno studio basato su Google Trend e condotto in occasione della prima edizione del [...]

  • Più leggera e digeribile e più povera di grassi. L’ultima novità dalla terra dell’oro bianco si chiama Mozzasnella ed è la nuova mozzarella light ideata dal Caseificio Fratelli Di Lascio di Capaccio Paestum. La Mozzasnella è realizzata con latte di bufala e latte vaccino di alta qualità: “Le prime mozzarelle [...]

  • Dopo la tappa “casalinga” di Paestum, Le Strade Della Mozzarella (LSDM), il congresso internazionale di cucina d’autore dedicato alla Mozzarella di Bufala Campana DOP, si prepara a sbarcare per la terza volta nella Grande Mela. Il 27 e il 29 giugno 2018, presso la pizzeria Kestè in Fulton Street, si percorrerà [...]

  • I migliori chef del nostro territorio amano sperimentare nuovi abbinamenti della mozzarella di bufala. Per questo il nostro oro bianco non poteva che essere protagonista del primo ricettario “Team Costa del Cilento 2018”, un viaggio alla scoperta dei sapori del Cilento e della Dieta mediterranea, con la guida dei cuochi [...]

  • Il mercato della mozzarella di bufala campana è in continua evoluzione. L’ultima novità si chiama Bianco Cuore ed è una mozzarella di bufala con Omega 3 arricchita con Omega 6. La specialità nasce da un progetto frutto della collaborazione tra la società Lipinutragen, spin-off del CNR di Bologna, e l’imprenditore [...]

  • “Tutti sono liberi di produrre dove vogliono. Io sono per il libero mercato. Ma ognuno dovrebbe fare quello che sa fare. Io non comprerei mai whisky fatto ad Amalfi”. È caustica la risposta data da Pier Maria Saccani, direttore del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, all’Economist [...]

  • Se l’alta cucina ha sdoganato gli abbinamenti più insoliti, anche nel menù di tutti giorni si può introdurre un tocco di originalità a partire da piatti e ingredienti semplici e genuini. Oggi ad esempio vi proponiamo, in alternativa ai classici spiedini mozzarella e pomodorini, gli spiedini di mozzarella e fragole. [...]

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons.