mozzarelladibufalaMozzarella Battipaglia ha condotto una breve intervista per verificare se a seguito delle dichiarazioni dell’ex boss dei Casalesi, Francesco Schiavone, i caseifici della Piana del Sele hanno subito cali nelle vendite oppure no. La mozzarella purtroppo, è stato uno dei prodotti maggiormente colpiti dal fenomeno Terra dei fuochi e nonostante le numerose manifestazioni fatte a sua difesa e l’intervento del Consorzio, la situazione non è stata ancora risolta. Ovviamente i caseifici sotto accusa sono soprattutto quelli del napoletano e del casertano, ove è situata l’area denominata Terra dei fuochi, ma purtroppo anche i nostri caseifici hanno subito danni. Vediamo ora nel dettaglio in quale misura.

Per motivi di privacy non è stato possibile riportare i nomi dei caseifici intervistati, i quali sono stati in totale cinque.

Dal sondaggio è emerso che la maggior parte di essi ha subito cali nelle vendite, tranne uno che ha dichiarato che se c’è stata una flessione nelle vendite questa è da riferirsi esclusivamente ad un calo fisiologico, che si verifica ogni anno nel mese di novembre con l’avvento del freddo, dal momento che la mozzarella è un alimento che si consuma soprattutto d’estate e nei mesi caldi. Chi ha subito perdite dichiara che ha venduto e sta vendendo il 20% in meno rispetto agli altri anni a fronte soprattutto di una crescita nelle vendite che si stava verificando nell’ultimo periodo. Le vendite sono diminuite soprattutto al nord Italia, infatti è qui che si è maggiormente risentito il danno economico. “I clienti abituali”, ha dichiarato la maggior parte dei caseifici intervistati, “continuano, in ogni caso, ad acquistare i nostri prodotti, perchè sanno che non ci sono rischi per la loro salute dal momento che vengono effettuati controlli quotidianamente e soprattutto perchè il nostro latte non proviene dalla Terra dei fuochi”. Al nord invece non si fa distinzione tra casertano, napoletano e salernitano, per loro è tutta Campania e quindi tutta Terra dei fuochi” per questo motivo i consumatori di mozzarella del nord Italia preferiscono non acquistarne più.

Per quanto riguarda la soluzione al problema, i nostri caseifici sono dell’idea che la risposta non deve venire dal Consorzio ma dalle istituzioni locali. In particolare è la Provincia che deve farsi carico della questione, rassicurare i produttori e soprattutto i clienti per ciò che riguarda la qualità e la sicurezza dei prodotti. È importante non fare di tutta l’erba un fascio, è importante distinguere tra le zone davvero inquinate e quelle che non lo sono. Tutto questo allarmismo danneggia la nostra economia e rischia di danneggiare in maniera irreversibile uno dei prodotti che tutto il mondo ci invidia, l’oro bianco, la nostra tanto amata mozzarella di bufala.

 

Segnalaci le tue news attraverso la pagina Contatti

Notizie D'Origine Controllata

  • Dodici mesi per 50 milioni di chili di mozzarella di bufala campana Dop. Il 2018 è stato l’anno dei record per il nostro oro bianco, con un aumento di circa il 20 per cento sia nella produzione che nelle vendite, conferma di un trend di crescita ormai consolidato. «Un aumento [...]

  • No alle fake news, sì alle buffalo news. Il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, in collaborazione con il mensile Leggere:tutti, per celebrare l’Anno del Cibo italiano nel mondo ha indetto il concorso “Ti racconto una bufala”, un contest letterario per la realizzazione di brevi racconti (massimo 6.000 [...]

  • Sta per partire il secondo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, presso le Reali Cavallerizze della Reggia di Caserta. La scuola ambisce a formare le future figure chiave del comparto, dai casari ai manager dell’export fino agli [...]

  • Gastronomia, solidarietà, intrattenimento: questi alcuni degli ingredienti della Festa solidale del sorriso “Sapori di bufala”, organizzata dall’Associazione Arcobaleno Marco Iagulli Onlus, in via Rosa Jemma. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è in programma presso l’area esterna dell’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia da venerdì 21 a domenica 23 settembre. A [...]

  • Il comparto della mozzarella di bufala si è confermato in ottima salute anche nel primo semestre del 2018. Come comunicato dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, da gennaio a giugno 2018 la produzione ha registrato un incremento del 4,4%. Negli ultimi due anni si è raggiunto [...]

  • Battipaglia celebra la sua “regina”. Da venerdì 24 a domenica 26 agosto, presso lo stadio comunale “Luigi Pastena” di Battipaglia, si terrà la terza edizione dell’evento gastronomico “La Zizzona di Battipaglia in festa”, organizzato dalla Pro Loco ‘A Castelluccia, dal Caseificio La Fattoria e da Radio Castelluccio con il patrocinio [...]

  • A circa un anno dall’inizio della querelle, il Tar del Lazio ha bocciato il ricorso da parte della Campania contro il riconoscimento del marchio Dop per la Mozzarella di latte vaccino di Gioia del Colle. La motivazione risiede nella differente tipologia di latte – da un lato di bufala, dall’altro [...]

  • Il primo ricettario del Team Costa del Cilento, squadra di cuochi che omaggia la cucina cilentana e la Dieta mediterranea, non poteva che riservare un ruolo da protagonista alla mozzarella di bufala. Tra le ricette più interessanti c’è quella ideata dallo chef Giuseppe Gaudino di Torre Bassano, a Torre del [...]

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons.