brevetto-mozzarellaPresto la mozzarella di bufala potrebbe diventare un prodotto ancor più fruibile, da poter gustare fresco da un angolo all’altro del pianeta. Questo grazie al protocollo di conservazione LAMO’, contenuto in un brevetto europeo, che permette di mantenere intatti il gusto e le proprietà del prelibato latticino a distanza di giorni, settimane e persino mesi dalla data di produzione vera e propria.

L’idea è venuta ad un tecnologo alimentare ebolitano, il dottor Enrico La Monica, ed è diventata realtà anche grazie alla consulenza del laboratorio di Analisi Sensoriale della facoltà di Agraria dell’Università della Basilicata. Tutto è partito da un viaggio effettuato dal tecnologo negli Stati Uniti, per conto di alcune aziende italiane, con l’obiettivo di verificare le possibilità di commercializzazione della mozzarella. Quest’ultima presentava un ostacolo apparentemente ineludibile: i lunghi tempi di trasporto, che inevitabilmente influivano sulla qualità del prodotto.

Ci sono voluti circa dieci anni di studi prima di arrivare alla soluzione del problema, ovvero alla scoperta che oggi potrebbe rivoluzionare il mercato lattiero caseario: una procedura di conservazione capace di preservare la freschezza della mozzarella come se fosse appena uscita dalle vasche.  

Ma in cosa consiste la magica intuizione? Il prodotto, dopo alcuni giorni di congelamento e di conservazione con i metodi classici, viene immerso in un recipiente pieno d’acqua, e successivamente riscaldato per lo scongelamento con il sistema a microonde. In questo modo la mozzarella si scongela, e “miracolosamente” recupera il suo gusto e le sue proprietà originarie.   

Una volta elaborato il protocollo, La Monica e i suoi collaboratori hanno commissionato uno studio all’Università della Basilicata, che ha certificato che la mozzarella, sottoposta a tale procedura, manteneva le stesse caratteristiche del prodotto fresco: fragranza, qualità e sapore. Dopo un lungo e complesso iter, è arrivato il riconoscimento del brevetto europeo, che abbatte ogni possibile limitazione al consumo universale dell’oro bianco, sempre più simbolo del made in Italy nel mondo. E non è finita qui: qualche giorno fa, in occasione del SIAL Paris, il Salone Internazionale dell’Alimentazione, il kit LAMO’ è stato selezionato tra i primi dieci prodotti italiani più innovativi, il che la dice lunga sulla portata che potrebbe avere questa invenzione.  

Segnalaci le tue news attraverso la pagina Contatti

Tagged with →  

Notizie D'Origine Controllata

  • Gastronomia, solidarietà, intrattenimento: questi alcuni degli ingredienti della Festa solidale del sorriso “Sapori di bufala”, organizzata dall’Associazione Arcobaleno Marco Iagulli Onlus, in via Rosa Jemma. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è in programma presso l’area esterna dell’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia da venerdì 21 a domenica 23 settembre. A [...]

  • Il comparto della mozzarella di bufala si è confermato in ottima salute anche nel primo semestre del 2018. Come comunicato dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, da gennaio a giugno 2018 la produzione ha registrato un incremento del 4,4%. Negli ultimi due anni si è raggiunto [...]

  • Battipaglia celebra la sua “regina”. Da venerdì 24 a domenica 26 agosto, presso lo stadio comunale “Luigi Pastena” di Battipaglia, si terrà la terza edizione dell’evento gastronomico “La Zizzona di Battipaglia in festa”, organizzato dalla Pro Loco ‘A Castelluccia, dal Caseificio La Fattoria e da Radio Castelluccio con il patrocinio [...]

  • A circa un anno dall’inizio della querelle, il Tar del Lazio ha bocciato il ricorso da parte della Campania contro il riconoscimento del marchio Dop per la Mozzarella di latte vaccino di Gioia del Colle. La motivazione risiede nella differente tipologia di latte – da un lato di bufala, dall’altro [...]

  • Il primo ricettario del Team Costa del Cilento, squadra di cuochi che omaggia la cucina cilentana e la Dieta mediterranea, non poteva che riservare un ruolo da protagonista alla mozzarella di bufala. Tra le ricette più interessanti c’è quella ideata dallo chef Giuseppe Gaudino di Torre Bassano, a Torre del [...]

  • È la mozzarella il secondo prodotto tipico italiano più ricercato dagli utenti Google sparsi per il mondo. L’amato latticino è superato solo dal prosecco e seguito da gorgonzola, ricotta e tartufo. Lo dicono i risultati di uno studio basato su Google Trend e condotto in occasione della prima edizione del [...]

  • Più leggera e digeribile e più povera di grassi. L’ultima novità dalla terra dell’oro bianco si chiama Mozzasnella ed è la nuova mozzarella light ideata dal Caseificio Fratelli Di Lascio di Capaccio Paestum. La Mozzasnella è realizzata con latte di bufala e latte vaccino di alta qualità: “Le prime mozzarelle [...]

  • Dopo la tappa “casalinga” di Paestum, Le Strade Della Mozzarella (LSDM), il congresso internazionale di cucina d’autore dedicato alla Mozzarella di Bufala Campana DOP, si prepara a sbarcare per la terza volta nella Grande Mela. Il 27 e il 29 giugno 2018, presso la pizzeria Kestè in Fulton Street, si percorrerà [...]

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons.