Mozzarella di bufalaIl sistema di qualità della mozzarella di bufala campana Dop è in attesa di grandi modifiche per ciò che riguarda l’obbligo di tracciare il latte di bufala e la separazione dei caseifici.

Il decreto che dovrebbe essere emanato dal Ministero delle Politiche agricole, sarà utile ad offrire al consumatore importanti garanzie soprattutto a seguito dello scandalo della Terra dei fuochi, a causa del quale si sono drasticamente ridotte le vendite dell’intero comparto agroalimentare campano.

La mozzarella di bufala rappresenta una punta di diamante in quanto si tratta di un prodotto tipico che ha un fatturato annuo di oltre 315 milioni di euro. per quanto riguarda la tracciabilità del latte, recentemente è stato raggiunto un accordo tra tutte le organizzazioni agricole ed industriali rappresentative del settore: Confindustria, Coldiretti, Cia e Confagricoltura. L’intento è quello di introdurre l’adozione obbligatoria di un sistema gratuito di tracciabilità, certificato dalle autorità nazionali o regionali.

Questo sistema in Campania è già stato adottato su base volontaria ma verrà esteso e reso obbligatorio con il fine di raggiungere l’obiettivo di tracciabilità dell’intera filiera.

In altri termini, si vuole introdurre l’adozione obbligatoria di un sistema gratuito di tracciabilità, certificato dalle autorità nazionali o regionali dell’intera filiera: per i caseifici infatti esiste già l’obbligo. L’assessore regionale Daniela Nugnes commenta la decisione presa, come una grande vittoria, dal momento che già un anno fa era stato promosso, insieme all’Istituto Zooprofilattico sperimentale per il Mezzogiorno, un sistema di tracciabilità totale della filiera ritenendo che questo fosse l’unico strumento necessario per dare trasparenza al comparto e per promuovere e garantire la mozzarella di bufala.

Resta per ora in alto mare la questione relativa all’obbligo per le aziende di produzione di mozzarella, a partire dal primo luglio, di separare le linee che utilizzano latte dell’area dop da quelle che trasformano latte non dop, come previsto dalla legge 205 del 2008. Confindustria Campania propone di impegnare i caseifici ad usare solo latte dell’area tutelata per produrre mozzarella di bufala campana e contemporaneamente di consentire di impiegare latte lavorato dopo le 60 ore dalla mungitura per produrre mozzarella e formaggi non Dop. La logica sarebbe quella di permettere l’uso di latte congelato (la cui qualità resta immutata per gli industriali) anche se privando il prodotto finito del marchio di tutela. Ma in questo caso il fronte delle organizzazioni di categoria si è spaccato: Consorzio di tutela, Assolatte e Cia hanno negato la propria adesione per motivi diversi, ora si attende la decisione del ministero. «Se passasse la linea della legge 205 – precisa Lino Fierro rappresentante della sezione casearia in Campania – sin da maggio dovremmo bloccare le forniture di latte per utilizzare le scorte di magazzino. E da luglio i nostri acquisti si ridurranno fortemente. E tutto avverrà per qualcosa che con la qualità del prodotto non ha, a nostro parere, nulla a che fare».

Segnalaci le tue news attraverso la pagina Contatti

Notizie D'Origine Controllata

  • Dodici mesi per 50 milioni di chili di mozzarella di bufala campana Dop. Il 2018 è stato l’anno dei record per il nostro oro bianco, con un aumento di circa il 20 per cento sia nella produzione che nelle vendite, conferma di un trend di crescita ormai consolidato. «Un aumento [...]

  • No alle fake news, sì alle buffalo news. Il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, in collaborazione con il mensile Leggere:tutti, per celebrare l’Anno del Cibo italiano nel mondo ha indetto il concorso “Ti racconto una bufala”, un contest letterario per la realizzazione di brevi racconti (massimo 6.000 [...]

  • Sta per partire il secondo anno di studi della Scuola di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, presso le Reali Cavallerizze della Reggia di Caserta. La scuola ambisce a formare le future figure chiave del comparto, dai casari ai manager dell’export fino agli [...]

  • Gastronomia, solidarietà, intrattenimento: questi alcuni degli ingredienti della Festa solidale del sorriso “Sapori di bufala”, organizzata dall’Associazione Arcobaleno Marco Iagulli Onlus, in via Rosa Jemma. La manifestazione, giunta alla quarta edizione, è in programma presso l’area esterna dell’Istituto “Enzo Ferrari” di Battipaglia da venerdì 21 a domenica 23 settembre. A [...]

  • Il comparto della mozzarella di bufala si è confermato in ottima salute anche nel primo semestre del 2018. Come comunicato dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, da gennaio a giugno 2018 la produzione ha registrato un incremento del 4,4%. Negli ultimi due anni si è raggiunto [...]

  • Battipaglia celebra la sua “regina”. Da venerdì 24 a domenica 26 agosto, presso lo stadio comunale “Luigi Pastena” di Battipaglia, si terrà la terza edizione dell’evento gastronomico “La Zizzona di Battipaglia in festa”, organizzato dalla Pro Loco ‘A Castelluccia, dal Caseificio La Fattoria e da Radio Castelluccio con il patrocinio [...]

  • A circa un anno dall’inizio della querelle, il Tar del Lazio ha bocciato il ricorso da parte della Campania contro il riconoscimento del marchio Dop per la Mozzarella di latte vaccino di Gioia del Colle. La motivazione risiede nella differente tipologia di latte – da un lato di bufala, dall’altro [...]

  • Il primo ricettario del Team Costa del Cilento, squadra di cuochi che omaggia la cucina cilentana e la Dieta mediterranea, non poteva che riservare un ruolo da protagonista alla mozzarella di bufala. Tra le ricette più interessanti c’è quella ideata dallo chef Giuseppe Gaudino di Torre Bassano, a Torre del [...]

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons.