mozzarella-erroriLa Mozzarella di Bufala è uno dei prodotti più versatili, ma non sempre viene utilizzata nel modo giusto. Ci sono infatti una serie di errori in cui spesso incorriamo nel consumarla, soprattutto in cucina. Ecco alcuni aspetti da non trascurare se si vuole gustare una mozzarella che sia davvero il top!

  • Innanzitutto è preferibile sempre gustare la mozzarella di bufala “così com’è”: cuocerla significa in qualche modo sminuirne le proprietà. Consigliamo in ogni caso di non usarla subito per la cucina ma soltanto dopo 2-3 giorni, quando non è più fresca ed è diventata più asciutta, ma resta ancora saporita.   
  • Nel momento in cui decidete di sfruttare la mozzarella per preparare le vostre pietanze, c’è un altro erroremozzarella-di-bufala da tenere alla larga: quello di asciugarla. Per evitare di cucinare improponibili piatti brodosi, dovete piuttosto adagiarla su un colino, all’interno di una ciotola, e strizzarla delicatamente con le mani.
  • Altro errore comune: tagliare la mozzarella con gli utensili. Il latticino va sminuzzato a mano, così da ottenere sfilacci irregolari con un po’ di crosta e un po’ di cuore morbido. Ne guadagnerete anche in estetica: a volte la perfezione sa tanto di finzione!
  • Un altro aspetto da non trascurare è la cottura: è sconsigliato far cuocere molto la mozzarella di bufala, quasi fino a farla bruciare. Essa deve restare bianca, calda e filante. Se poi la si utilizza per piatti a lunga cottura, è preferibile metterla all’interno piuttosto che spargerla in superficie.

Questi i principali consigli per evitare gli errori più comuni nel consumo della mozzarella di bufala. E adesso… buon appetito a tutti!

 

Segnalaci le tue news attraverso la pagina Contatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizie D'Origine Controllata

  • Domani 4 agosto, a partire dalle ore 10:00 a Battipaglia, si svolgerà una manifestazione a difesa della mozzarella di Bufala Campana Dop, quella vera! Si tratta di una raccolta firme per dire no alla mozzarella congelata. Ad organizzare il presidio è stato il comitato “No alla Mozzarella di Bufala campana [...]

  • Tra i banchi per imparare la preziosa arte dell’oro bianco. Il 21 giugno è stata presentata a Caserta la Scuola nazionale di formazione lattiero casearia del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP. “La formazione va vista in un’ottica moderna. Nel 2017, in un mondo sempre più globale [...]

  • Partirà da Milano l’edizione 2017 delle Strade della Mozzarella (LSDM), particolarmente attesa perché celebrerà il decennale della manifestazione. L’appuntamento con la prima tappa è per mercoledì 1° febbraio nella doppia location del Lentini’s Pizza & Restaurant (via Tivoli) e del Baglioni Hotel Carlton (Via Senato) di Milano.       A partire [...]

  • Le Strade della Mozzarella tornano ad incrociarsi. Dopo il successo dell’edizione 2016, conclusasi lo scorso ottobre nella Capitale, il congresso internazionale di cucina d’autore si prepara a tornare, in un 2017 che segna anche il suo decennale. La manifestazione Le Strade della Mozzarella (LSDM) partirà il 1° febbraio a Milano, [...]

  • Il 2016 è stato per la mozzarella di bufala un anno fortunato per vari aspetti. Il prelibato latticino, infatti, ha visto aumentare la produzione del 7% rispetto al 2015, ma ha anche accresciuto il proprio gradimento sul mercato internazionale. A detta del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana [...]

  • L’inizio di dicembre ha segnato l’inaugurazione ufficiale della nuova sede del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, le Regie Cavallerizze della Reggia di Caserta. E per l’occasione il presidente della Regione Campania con delega all’Agricoltura, Vincenzo De Luca, ha reso noto lo stanziamento di 8 milioni di [...]

  • Non solo mozzarella di bufala. Da quattro anni a Battipaglia è partito un progetto per il recupero di una varietà di pomodoro tipica del territorio, il Fiaschello Battipagliese. Sabato 17 dicembre alle 11 presso il Palazzo Comunale di Battipaglia saranno illustrati i primi risultati di questo progetto, nell’ambito di un [...]

  • Grazie ai legumi potremmo mappare la nuova geografia dell’Italia, uno Stivale che fa della biodiversità la sua bandiera. E le centinaia e centinaia di varietà di legumi autoctoni rappresentano un patrimonio agricolo e gastronomico di raro paragone. Le leguminose sono un concentrato di virtù, definite in passato “la carne dei [...]

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons.