A circa un anno dall’inizio della querelle, il Tar del Lazio ha bocciato il ricorso da parte della Campania contro il riconoscimento del marchio Dop per la Mozzarella di latte vaccino di Gioia del Colle. La motivazione risiede nella differente tipologia di latte – da un lato di bufala, dall’altro di vacca – che non indurrebbe in confusione il consumatore.

La Mozzarella di Gioia del Colle, che ha ottenuto la denominazione di origine protetta con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 28 agosto 2017, consiste in una treccia di latte vaccino prodotta nella zona che va da Gioia del Colle ad Altamura. Inizialmente avrebbe dovuto chiamarsi “Treccia della Murgia e dei Trulli”, dal nome dell’associazione di produttori pugliesi che aveva avanzato la proposta di Dop.

La Regione Puglia auspica ora che la guerra si trasformi in alleanza. “La mozzarella di bufala campana è una cosa che tutti apprezzano, anche qui in Puglia. La mozzarella bovina di Gioia del Colle pugliese è tutt’altro prodotto”, ha dichiarato il presidente della Regione, Michele Emiliano, all’indomani della vittoria legale, “Entrambe però potrebbero in qualche maniera aiutarsi vicendevolmente, perché non sono in concorrenza”.

Da qui l’intenzione di dialogare con la patria della Mozzarella di Bufala Campana Dop. “Mi piacerebbe moltissimo un incontro a mezza strada tra me e il Presidente della Regione Campania con i produttori delle due DOP”, ha aggiunto Emiliano, “che si incontrano e cominciano a collaborare scambiandosi numeri dei potenziali clienti. La politica deve avere la forza di comprendere che il sistema produttivo meridionale deve unirsi e non dividersi.

Riusciranno le due regioni ad avviare una collaborazione all’insegna dell’oro bianco, superando la logica della concorrenza e della rivalità territoriale? Attendiamo i prossimi sviluppi per capirlo.

Segnalaci le tue news attraverso la pagina Contatti

Tagged with →  

Notizie D'Origine Controllata

  • A circa un anno dall’inizio della querelle, il Tar del Lazio ha bocciato il ricorso da parte della Campania contro il riconoscimento del marchio Dop per la Mozzarella di latte vaccino di Gioia del Colle. La motivazione risiede nella differente tipologia di latte – da un lato di bufala, dall’altro [...]

  • Il primo ricettario del Team Costa del Cilento, squadra di cuochi che omaggia la cucina cilentana e la Dieta mediterranea, non poteva che riservare un ruolo da protagonista alla mozzarella di bufala. Tra le ricette più interessanti c’è quella ideata dallo chef Giuseppe Gaudino di Torre Bassano, a Torre del [...]

  • È la mozzarella il secondo prodotto tipico italiano più ricercato dagli utenti Google sparsi per il mondo. L’amato latticino è superato solo dal prosecco e seguito da gorgonzola, ricotta e tartufo. Lo dicono i risultati di uno studio basato su Google Trend e condotto in occasione della prima edizione del [...]

  • Più leggera e digeribile e più povera di grassi. L’ultima novità dalla terra dell’oro bianco si chiama Mozzasnella ed è la nuova mozzarella light ideata dal Caseificio Fratelli Di Lascio di Capaccio Paestum. La Mozzasnella è realizzata con latte di bufala e latte vaccino di alta qualità: “Le prime mozzarelle [...]

  • Dopo la tappa “casalinga” di Paestum, Le Strade Della Mozzarella (LSDM), il congresso internazionale di cucina d’autore dedicato alla Mozzarella di Bufala Campana DOP, si prepara a sbarcare per la terza volta nella Grande Mela. Il 27 e il 29 giugno 2018, presso la pizzeria Kestè in Fulton Street, si percorrerà [...]

  • I migliori chef del nostro territorio amano sperimentare nuovi abbinamenti della mozzarella di bufala. Per questo il nostro oro bianco non poteva che essere protagonista del primo ricettario “Team Costa del Cilento 2018”, un viaggio alla scoperta dei sapori del Cilento e della Dieta mediterranea, con la guida dei cuochi [...]

  • Il mercato della mozzarella di bufala campana è in continua evoluzione. L’ultima novità si chiama Bianco Cuore ed è una mozzarella di bufala con Omega 3 arricchita con Omega 6. La specialità nasce da un progetto frutto della collaborazione tra la società Lipinutragen, spin-off del CNR di Bologna, e l’imprenditore [...]

  • “Tutti sono liberi di produrre dove vogliono. Io sono per il libero mercato. Ma ognuno dovrebbe fare quello che sa fare. Io non comprerei mai whisky fatto ad Amalfi”. È caustica la risposta data da Pier Maria Saccani, direttore del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, all’Economist [...]

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons.